Silvano Girotto - (letta 14.632 volte)

Nelle foto dell’epoca sembra Jovanotti. Era un frate. Un frate un po’ turbolento. Da ragazzino era stato in riformatorio. Da adolescente nella Legione Straniera. Da giovanotto in galera. Poi in convento. Poi nelle favelas sudamericane. Poi nella guerriglia armata. Il suo nome era Silvano Girotto ma lo chiamavano Frate Mitra. Divenne famoso il giorno in cui si infiltrò nelle Brigate Rosse e fece catturare Renato Curcio e Alberto Franceschini, due dei capi storici. Da allora divenne per la sinistra italiana un infame. Si è rifatto una vita, si è sposato, ha avuto due figlie, è diventato capo della manutenzione di una grande azienda alberghiera. Ancora oggi gli dà fastidio che qualcuno continui a considerarlo una spia mentre lui si considera uno che si è sacrificato per il bene del suo Paese. E così ha deciso di raccontare la vera storia della sua vita in un libro, “Mi chiamavano Frate Mitra”. “Il libro è nato come l’esigenza di un padre che deve spiegare alle figlie perché ogni tanto il suo nome compare sui giornali. Avevo cominciato scrivendo una lettera. Poi la lettera è diventata un fascicolone. I Paolini lo seppero e mi chiesero di pubblicarlo”.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Federico Orlando - (letta 3.644 volte)

Il libro si chiama “Fucilate Montanelli” e racconta come il grande giornalista, uomo di destra, litigò con la destra fino ad arrivare a votare per la sinistra. Lo ha scritto il suo condirettore al “Giornale”, Federico Orlando, altro uomo di destra che addirittura è arrivato a candidarsi, seppure come indipendente, con la sinistra, dopo decenni di militanza nel Pli dal quale se ne andò, ricorda, “quando i grandi personaggi liberali alla Malagodi furono sostituiti dai De Lorenzo e dagli Altissimo”

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Natalino Balasso - (letta 14.323 volte)

Natalino Balasso: qualcuno lo ricorda a "Zelig" (Italia 1) nei panni dell’attore porno, o in quelli del professore esperto di Sumeri. Ma questa primavera il suo trionfo sono state le elezioni. Nei suoi spettacoli raccontava appunto i suoi tentativi di essere eletto in concorrenza con Polo e Ulivo nel suo Listone Balasso. Domani, a Lavarone, al Centro Congressi, alle 17,30, racconterà le sue avventure politiche. Ma oggi, con l’Adige, ha accettato di fare qualche anticipazione.

Come sono andate le elezioni?

La domanda è brutale.

E la risposta?

La verità?

La verità.

Lo dico solo a lei. Siamo stati trombati.

Lei non è un vero politico. Nessun vero politico ammette la sconfitta.

Noi siamo per la trasparenza. Abbiamo un modo diretto di parlare. Noi siamo sempre stati per la politica dei piccoli passi. Piccoli e molto rapidi.

Che vuol dire?

Non lo so. Noi a queste elezioni abbiamo corso da soli.

Che cosa è questo "noi"? Un plurale majestatis?

No, quando dico noi intendo il Listone Balasso.

Quanti eravate?

Molti. L’attrice Vulvona Thompson per esempio. Tutti trombati.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Paolo Cirino Pomicino - (letta 4.227 volte)

E’ stato uno dei protagonisti della vita politica della Prima Repubblica. E lo ha raccontato nel suo libro "Strettamente riservato". Poi è stato travolto da Mani Pulite. Circa quaranta processi che lo hanno visto spesso assolto, spesso prescritto, un paio di volte condannato, una volta in via definitiva, per la maxitangente Enimont. Adesso esce un secondo libro, "Dietro le quinte". Pieno di aneddoti, di curiosità, di retroscena. Paolo Cirino Pomicino, pseudonimo Geronimo: insieme a quelli di Bruno Vespa e a quelli di Giulio Andreotti, i suoi libri scandiscono la vita politica italiana.

Cirino Pomicino, che cosa è successo dal suo ultimo libro?

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Mario Capanna - (letta 5.638 volte)

La fotografia storica lo ritrae avvolto in un ampio mantello nero mentre arringa gli studenti milanesi nell’epico ’68. Molti lo ricordano a capo del commando che lanciò uova sulle pellicce delle belle signore milanesi alla prima della Scala. Mario Capanna fa parte della storia d’Italia. Per molti è un’icona, un Guevara minore e locale che ha incendiato e guidato la contestazione. Per altri è il simbolo del disordine tipico dei giovani e della loro impazienza. Mario Capanna entrò anche nel Parlamento italiano e in quello europeo. Poi nel ’92 lasciò la politica istituzionale che aveva affrontato con Democrazia Proletaria e cominciò a scrivere libri, a girare l’Italia e l’Europa facendo conferenze, incontrando movimenti, scoprendo una nuova frontiera della politica: le biotecnologie, la clonazione, l’ingegneria genetica, gli organismi geneticamente modificati (OGM). L’ultimo libro che ha curato (“L’uomo è più dei suoi geni, la verità sulle biotecnologie”, Rizzoli) raccoglie gli atti del convegno “Biotecnologie e futuro dell’umanità”.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Giancarlo Caselli - (letta 18.443 volte)

Sette anni a Palermo, a combattere la mafia. Vivendo una vita blindata. Lasciando a casa moglie, figli e nipotini. Così Giancarlo Caselli ha raccolto il testimone insanguinato lasciato, da Falcone e Borsellino. Sette anni di successi e di paure raccontati in un libro intervista, “L’eredità scomoda” (Feltrinelli editore). Duecentoventi pagine di domande fatte da Maurizio De Luca e di risposte date da Giancarlo Caselli e da Antonio Ingroia che è stato suo sostituto e che lavora ancora a Palermo.

Perché “eredità scomoda”?

Era il 1992, il nostro Paese era in ginocchio, sconvolto dalle stragi di Capaci e di via D’Amelio, come se in ginocchio stesse aspettando il colpo alla nuca. La mafia sembrava più. Con due stragi di quella ferocia e potenza militare, a distanza di due mesi una dall’altra, lavorare a Palermo era sicuramente raccogliere una eredità scomoda.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Marco Travaglio - (letta 6.162 volte)

Marco Travaglio non era un giornalista molto famoso. Era giovane, molto bravo, puntuale nelle sue inchieste. Era di destra, lavorava al Giornale di Montanelli e ogni tanto scriveva qualche libro di successo come lo Stupidario del calcio (raccolta di sciocchezze dette dai giocatori e dai giornalisti sportivi) che vendette 50 mila copie o il Manuale del perfetto impunito (raccolta di dichiarazioni di inquisiti di Mani pulite) che arrivò a 25 mila copie.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Gian Antonio Stella - (letta 6.160 volte)

L’ha chiamata sinistra chiffon, traduzione italiana della gauche caviar. E’ quella sinistra con i vezzi della destra, le feste, il vestire elegante, il mangiare nei ristoranti di lusso, la barca di 16 metri. Nel suo ultimo libro, “Chic”, Gian Antonio Stella, inviato del “Corriere della Sera”, la fa risalire a quella sinistra delle terrazze romane già individuata in quello splendido film di Ettore Scola, “La terrazza”.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Mauro Galligani - (letta 7.139 volte)

Mauro Galligani è uno dei più famosi fotografi italiani. La guerra non è la sua specializzazione, ma di guerre, guerriglie e rivoluzioni ne ha documentate tante. L’ultima, la rivolta cecena, gli è costata due mesi della sua vita. Fu rapito dai guerriglieri ceceni di montagna e trattenuto per 50 giorni finché non fu pagato il riscatto. "In Cecenia ero andato per Panorama", racconta. "Ero con il corrispondente da Mosca Francesco Bigazzi, con l’autista e l’interprete. Mi rapirono in piena città bloccando la macchina in mezzo al traffico, sparando alle gomme. Mi infilarono dentro la loro macchina. C’era uno sportello aperto e io cercai di scappare. Mi dettero due colpi col calcio della pistola, io feci finta di svenire per evitare ulteriori colpi. Poi mi portarono in un covo alla periferia di Grosny.

Come ti hanno trattato?

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Gherardo Colombo - (letta 5.029 volte)

“Mani Pulite ha colpito il cuore d’oro del malaffare. Ma la lotta per intralciare l’inchiesta è stata continua”, scrive Gherardo Colombo nella prefazione a quattro mani del suo ultimo libro (“Ameni inganni”, Garzanti editore) realizzato insieme allo scrittore giornalista Corrado Stajano. Gherardo Colombo è stato prima giudice e poi giudice istruttore contitolare delle inchieste sull’omicidio dell’avvocato Ambrosoli (il liquidatore dell’impero bancario di Michele Sindona ucciso da un killer), sulla P2 e sui fondi neri dell’Iri. Come sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Milano fa parte dal 1992 del pool Mani Pulite che ha svelato l’incredibile intreccio fra politica e affari che ha portato alla crisi e al dissolvimento dei partiti della Prima Repubblica coinvolgendo migliaia di persone in un vorticosa giro di tangenti, stravolgendo le regole del libero mercato e anche quelle di un gioco politico corretto e trasparente. Il suo libro è la raccolta di una corrispondenza, cose di altri tempi se pensiamo ai telefoni, ai fax, alle e-mail, 32 lettere che gli amici Gherardo e Corrado si sono scambiate dal 19 febbraio al 31 dicembre 1999.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Cerca
Protagonisti