Sergio Cusani - (letta 445 volte)

Per qualche mese è stato il simbolo, diffuso quotidianamente per televisione, dell’Italia dalle mille corruzioni. Sergio Cusani era l’uomo che distribuiva miliardi ai politici per conto di Raul Gardini. Per Antonio Di Pietro era il grimaldello per processare tutta la classe politica italiana. Alla fine Cusani fu il solo a finire in galera. Oggi, a 51 anni, affidato ai servizi sociali, è libero purché torni a casa tutte le sere alle dieci. La sua nuova occupazione è la solidarietà, soprattutto assistere chi è in carcere. Un cambiamento radicale, di interessi e di immagine. Ieri le riunioni di lavoro con Raul Gardini per decidere a quali partiti dare le mazzette. Oggi i dibattiti con Giancarlo Caselli e i convegni con Gherardo Colombo. Di tutte le persone che abbiamo intervistato per questa inchiesta sulla “generazione che non sa invecchiare” è quello che più di tutti ha virato. Con lui parlo del ’68, che lo vedeva a capo del Movimento Studentesco alla Bocconi, della corruzione politica, del carcere. E del futuro.

Hai più sentito Craxi?

No.

Leggi tutto »

[csf ::: 07:25] [Commenti]
Share
  
Sergio Cusani - (letta 418 volte)

Sergio Cusani fino a qualche mese fa era uno di quelli che contavano. Non famosissimo ma potentissimo. Aveva un passato di militante nel movimento studentesco milanese ma nel presente era soprattutto bene introdotto presso politici, industriali, finanzieri, banchieri. E fra i socialisti. Ascoltato consigliere di Raul Gardini, era stato al centro dell’affare Enimont. E per quello ä finito in galera, accusato di falso in bilancio e di violazione della legge sul finanziamento pubblico dei partiti a causa di una colossale mazzetta di 150 miliardi pagata ai partiti, Psi e Dc in testa. Ha meravigliato la sua linea processuale. Ha ammesso i fatti contestati ma non ha detto una parola di più, e non ha fatto nomi. Con i giudici si è comportato in maniera quasi sprezzante, dopo aver scelto un avvocato, Giuliano Spazzali, “di opposizione”. Non ha chiesto la libertà. Ma un processo, e subito. Il suo, dicono i giudici, ä un atteggiamento oppositivo.

Lei è un personaggio di cui finora si sapeva poco. Vuole descriversi da solo?

Molti mesi prima della mia cattura, 23 luglio 1993, sull’onda dell’inchiesta Mani Pulite, sono stato preso di mira da alcuni giornali. Chi non mi ha mai conosciuto ha cominciato a costruirmi addosso alcuni profili immaginari. Sono così passato da oscuro contabile al servizio del Psi ad emulo di Cuccia nell’alta finanza.

Leggi tutto »

[csf ::: 07:32] [Commenti]
Share