Isabella Ferrari - (letta 6.940 volte)

Aveva cominciato vincendo un concorso per ragazzette carine, Miss Teenager. Isabella Ferrari, in realtà Isabella Fogliazza, allora aveva 15 anni. Poi era finita in quegli spettacoli televisivi del nulla inventati da Gianni Boncompagni, “Sotto le stelle”. Poi l’aveva scoperta Vanzina e l’aveva fatta diventare famosa nel primo dei film che aprirono il filone delle commedie vacanziere, “Sapore di mare”. Sembrava destinata allo spettacolo superficiale, ai filmetti di cassetta che non lasciano traccia. Si ribellò. Cercò i film di autore, emigrò in Francia, vinse perfino una Coppa Volpi a Venezia. Col risultato che tutti la dimenticarono. Poi la tv popolare, Distretto di polizia. Su e giù. Tanti amori. Gianni Boncompagni, Roberto Rossellini, Paolo Pazzaglia, Francesco Nuti, Massimo Osti, Renato De Maria. Tre figli a 37 anni. “Una vita come un rock and roll. Basta leggere le mie interviste, ne ho fatte centinaia. Ma non ce ne è una in cui, rileggendola, mi sia scoperta intelligente”, si lamenta. Colpa di chi? “Colpa mia. Ho dato troppe interviste, troppe anche quando ero ragazzina. Mi sono buttata via tra domande e risposte. Mi piacerebbe poter scegliere le persone con cui conversare”. Speriamo bene.

Perché ha scelto questo nome d’arte così banale?

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share