Mario Capanna - (letta 5.952 volte)

Error. Page cannot be displayed. Please contact your service provider for more details. (19)

La fotografia storica lo ritrae avvolto in un ampio mantello nero mentre arringa gli studenti milanesi nell’epico ’68. Molti lo ricordano a capo del commando che lanciò uova sulle pellicce delle belle signore milanesi alla prima della Scala. Mario Capanna fa parte della storia d’Italia. Per molti è un’icona, un Guevara minore e locale che ha incendiato e guidato la contestazione. Per altri è il simbolo del disordine tipico dei giovani e della loro impazienza. Mario Capanna entrò anche nel Parlamento italiano e in quello europeo. Poi nel ’92 lasciò la politica istituzionale che aveva affrontato con Democrazia Proletaria e cominciò a scrivere libri, a girare l’Italia e l’Europa facendo conferenze, incontrando movimenti, scoprendo una nuova frontiera della politica: le biotecnologie, la clonazione, l’ingegneria genetica, gli organismi geneticamente modificati (OGM). L’ultimo libro che ha curato (“L’uomo è più dei suoi geni, la verità sulle biotecnologie”, Rizzoli) raccoglie gli atti del convegno “Biotecnologie e futuro dell’umanità”.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Cerca
Protagonisti