Patrizio Roversi - (letta 13.912 volte)

"Io sono un teledipendente in parte pentito in parte guarito da questa terapia. Io ho veramente posto a Martino una serie di domande e lui ha cercato di intepretarmele in sedute che non erano reali solo perché io non ero coricato sul lettino. Eravamo seduti uno di fianco all’altro, ma sostanziamente era una seduta di analisi. Io ero un teledipendente sfegatato. Sostenevo in maniera acritica la bellezza della televisione, sono arrivato addirittura a stare cento ore davanti alla telecamera per battere il record.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share