Davide Parenti - (letta 13.642 volte)

Un altro giornalismo è possibile? Accanto ai grandi giornali di informazione e di opinione si sta facendo largo qualcosa di diverso? Il Gabibbo è un inviato speciale? Le incursioni delle Iene sono inchieste giornalistiche? Quando chiedono ai parlamentari che cosa è la Consob, quando fanno il test antidroga ai deputati, fanno solo spettacolo. «Il problema dei giornalisti è che parlano come giornalisti e si capisce la metà di quello che dicono», spiega Davide Parenti, il papà di tutte le Iene, oggi impegnato anche sul fronte di Matrix. Ma i giornalisti non dovrebbero essere proprio quelli che dipanano il linguaggio dei politici, che rendono chiare situazioni oscure? Insomma, è più giornalista Enrico Lucci o Vittorio Feltri? «È brutto dire che la nostra “è un’altra forma di giornalismo” e quindi non lo dico».

 

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Primo Greganti - (letta 29.047 volte)

Non ha parlato. Comunque non ha detto quello che i giudici volevano che dicesse. E cioè che anche i comunisti, come la Dc e il Psi, avevano partecipato al grande banchetto di Tangentopoli. Mentre tutti facevano a gara a chi confessava per primo, lui, Primo Greganti, il compagno G, negava tutto. I soldi dei Ferruzzi, i 612 milioni? Certo che li ho presi. Erano il compenso per le mie consulenze. Il miliardo dell’Itinera? L’ho incassato. Era la caparra per la vendita di un immobile. A forza di negare, si fece tutta la carcerazione preventiva, più di 100 giorni. E incassò la condanna patteggiando tre anni. Alla fine mise d’accordo sinistra e destra: ecco uno con le palle, uno che resiste,. Un eroe. Un simbolo. Ma lui non ci sta: «Sarei un eroe se mi fossi sacrificato per salvare il Pci. Ma questo non è vero. Io sono innocente e basta».

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Pier Ferdinando Casini - (letta 14.286 volte)

Una volta stavano insieme, lottavano insieme, governavano insieme. Oggi tra Pier Ferdinando Casini e Silvio Berlusconi è calato il grande freddo. Eppure ancora l’altro ieri Casini progettava con Berlusconi e Fini il grande partito unico dei moderati. Adesso lo definisce «un’operazione di plastica facciale», dice che perfino la Casa delle Libertà non ha più senso, che è finita, e che non andrà nemmeno ai vertici. Ma l’ha avvertito Berlusconi che aveva intenzioni così cattive? «Io non ho offeso nessuno, ho solo reagito ad un atteggiamento padronale inaccettabile».

 

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Giorgia Meloni - (letta 29.709 volte)

Non la si vede molto in televisione. Non è ancora stata a Porta a porta e nemmeno a Matrix. Qualche settimana fa la giovanissima Giorgia Meloni, segretaria dei giovani di An, vicepresidente della Camera, è stata a Quelli che il calcio invitata da Simona Ventura, ed è apparsa un po’ irrigidita. Addirittura musona. Inesperienza? Giovane età? Cattivo carattere? «Me lo hanno detto in tanti. Ho dato l’impressione di essere antipatica». Più che antipatica, un po’ seccata. Contrapposta a Caruso, poteva far di meglio… «Caruso non aiuta, non è facile parlare di politica con una persona del genere. Dice cose incredibili». Si poteva pensare che lei stesse recitando il ruolo della dura, della vera donna di destra. «In alcuni casi posso sembrare aggressiva. Ma sono una persona che accetta l’ironia, sta alla battuta. Se ho dato l’impressione opposta vuol dire che non sono stata brava».

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Diego Cugia - (letta 14.279 volte)

Improvvisamente Gianni Morandi diventò cattivo. Faceva i dispetti alla gente per la strada. Diceva cose tremende. Che fine aveva fatto il bravo ragazzo? «L’eterno ragazzo? Che palle!», diceva nei promo del suo nuovo programma Non facciamoci prendere dal panico. Chi c’era dietro questo improvviso e inaspettato cambiamento? C’era Diego Cugia, scrittore e autore televisivo. L’uomo che si fece Jack Folla per Radio Due. Che diventò Zombie per Radio 24. L’uomo che aveva inventato «Rock o lento» per Celentano.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Sergio Cragnotti - (letta 9.589 volte)

Comprò una Lazio disastrata e le fece vincere lo scudetto. Dopo una carriera in giro per il mondo, divenne il braccio destro di Gardini. Agnelli lo voleva alla Fiat. Ma Sergio Cragnotti si mise in proprio e costruì un grande impero imperniato su Cirio e Del Monte. Poi il crollo. La Cirio non ha i soldi per ripagare un bond da 150 milioni. Il sistema bancario lo abbandona. La Banca di Roma di Geronzi, che lo ha sempre sostenuto, gli chiede di uscire dalla Lazio. La Cirio viene fatta fallire. Lui finisce in galera per bancarotta fraudolenta. Adesso ha scritto un libro. Un calcio al cuore.

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Fabio Caressa - (letta 19.115 volte)

La Bild lo ha messo fra gli undici motivi per cui era giusto che l’Italia vincesse i mondiali. Su Internet la sua voce ha inondato tutti i siti. Sui telefonini ha sostituito le suonerie. «Chiudiamo le valige, si va a Berlino», urlava Fabio Caressa, telecronista sportivo di Sky ogni volta che la nazionale di calcio superava un turno ai mondiali in Germania. Oppure «Abbracciamoci forte e vogliamoci bene stasera». O anche, il massimo: «Campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo», quattro volte, una per ogni mondiale vinto, citazione di Nando Martellini che lo urlò tre volte dopo la vittoria in Spagna. Per gli appassionati Fabio Caressa è un mito come lo era Nicolò Carosio per quelli di qualche generazione fa. Ma Carosio descriveva la partita. Lui le emozioni: «Quello che manca ai telespettatori è la passione, l’atmosfera dello stadio, il pathos».

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Gianni Vernetti - (letta 5.775 volte)

Dei membri del governo è il più filoisraeliano. Gianni Vernetti, Margherita, sottosegretario agli Esteri, quando c’è una manifestazione per Israele, scende in piazza. «Ho una forte simpatia verso quel Paese», dice. «Ha grande entusiasmo. È un Paese multietnico. Non ha mai avuto mire espansionistiche». Sicuro? «Nessuna guerra è stata condotta da Israele con obbiettivi espansionistici. Hanno occupato il Sinai, un pezzo di Golan, la Cisgiordania. Ma hanno restituito praticamente tutto. Israele ha un multipartitismo efficace, è una vera e compiuta democrazia. Con pregi e difetti. Governi che durano sei mesi, litigi, scarsa governabilità. Sembra un po’ l’Italia, conflittualità, partiti che nascono, partiti che muoiono, alleanze strane. Ma è una democrazia».

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Paolo Cento - (letta 6.890 volte)

Che cosa è il centismo? Secondo il Foglio è «il pecorarismo con l’aggiunta della pajata, è l’ajo e ojo biologico, è un occhio sul mondo buttato dar Tufello». Paolo Cento militava in Lotta Continua per il Comunismo. Oggi è sottosegretario all’Economia. Si confrontava con il movimento del ’77, oggi con Padoa Schioppa. Continua il Foglio: «Si è fatto sentire sui falliti attentati di Londra, sull’Afghanistan, sull’Iraq, si è speso sull’indulto, ha ammonito sui taxi. Una tacca sotto il comunista Rizzo, come fermento dichiaratorio, ma con ottimo piazzamento. (… lo tsunami e la strage di Bologna, l’Europa e la par condicio, le rogatorie e gli spinelli, piazza Fontana e la Fiat, Calciopoli e la grande coalizione. Il centismo si butta, s’impegna, si spreca. Il centismo è presidio continuo, trotterellare ardito, zigzagare vertiginoso. Tanto dà agli ultrà tanto al cda)

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share
  
Beatrice Borromeo - (letta 93.445 volte)

È una delle novità di Anno Zero. Dopo aver letto una sua intervista a Gian Antonio Stella per Style, Michele Santoro l’ha voluta con sé per il suo rientro alla Rai. E Beatrice Borromeo, 21 anni, figlia di Paola e nipote di Marta Marzotto e ha addirittura ottenuto l’attenzione di un critico televisivo improvvisato, il presidente emerito Francesco Cossiga. Che ha scritto: «Prego sulla tomba degli zii, i cardinali Carlo e Federico Borromeo, perché salvino dalla stupidità la nipote. Non parli e faccia la bella statuina».

Leggi tutto »

[csf ::: 00:00] [Commenti]
Share